Login

Anche quest'anno il Centro Educativo Murialdo-CEM per onorare la memoria dell'amico Antonio, ingegnere nel siderurgico di Taranto tra gli anni sessanta e ottanta, esponente di rilievo nella difesa della dignità dei lavoratori all'interno dello stabilimento, bandisce la terza edizione del Premio di Studio “Antonio Cecere” dal valore di € 1.700,00.

In palio due borse di studio: al primo classificato una di € 1.200,00, al secondo classificato una del valore di € 500,00.

 

Requisiti per la partecipazione alla selezione

 

Possono concorrere coloro che :

  • siano residenti nella Regione Puglia ed iscritti alla facoltà di Ingegneria di un’Università italiana;
  • siano studenti in corso, regolarmente iscritti ed abbiano una media ponderata non inferiore a 27/30.
  • non siano già stati beneficiari del premio di Studio "Antonio Cecere" nelle scorse edizioni o di altra borsa/premio di studio nel corrente anno accademico.

Per la partecipazione è necessario produrre la seguente documentazione:

  • Domanda di partecipazione secondo lo schema allegato al presente bando;
  • Certificato, rilasciato dalla segreteria dell’Ateneo di appartenenza, da cui risultino gli anni di iscrizione, il piano di studi e gli esami sostenuti con relativa votazione;
  • Fotocopia dell'ultimo ISEE;
  • Copia Documento d'identità.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire in busta chiusa, entro e non oltre il 21 Aprile 2017, con consegna a mano, o inviate a mezzo raccomandata A/R o corriere a:

 

Fondazione Centro Educativo Murialdo Onlus
Via Metaponto, 102
74123 – TARANTO

orari di apertura al pubblico martedì e giovedì dalle 17:00 alle 19:30. Non farà fede il timbro postale. 

L'esito del concorso sarà pubblicato sul sito del Centro Educativo Murialdo  entro il 06 Maggio 2017.

 

Il Presidente
P. Nicola Preziuso

Scarica la Domanda di Partecipazione (file PDF)

Share Link: Share Link: Bookmark Google Yahoo MyWeb Del.icio.us Digg Facebook Myspace Reddit Ma.gnolia Technorati Stumble Upon
Il granello di senapa...
...cresce e diventa albero (Marco 4,30-33)
Facebook News